LE NUOVE TECNOLOGIE DELLA FORMAZIONE

Giovedì 22 ottobre

L’ingresso delle nuove tecnologie nei processi di istruzione e nelle attività di formazione sta trasformando l’apprendimento: influenza la relazione tra docente e discente, muta la professionalità degli insegnanti. Stiamo andando verso un assottigliarsi del ruolo del docente o le nuove tecnologie si qualificano piuttosto come strumenti di un suo nuovo ruolo, ancor più improntato sulla sua capacità di suscitare condizioni di apprendimento utili allo sviluppo della persona? Le nuove tecnologie sono strumenti che facilitano l’apprendimento dei contenuti delle discipline o possono diventare anche mezzi per un’analisi più articolata del mondo, basata sulla pluralità dei linguaggi e delle fonti? E perché l’introduzione delle nuove tecnologie della formazione spesso non raggiunge i risultati desiderati? Le nuove tecnologie nella formazione come possono valorizzare il rapporto tra le persone e stimolare la loro creatività?

ARCHIVIO

SCOPRI ALTRI MATERIALI SUL TEMA

Imparare a (pre)vedere l'invisibile

Giovanni Ferrero, ISMEL

Alessandro Vespignani, ISI Foundation, Northeastern University di Boston

La didattica digitale

Giovanni Ferrero, ISMEL

Andrea Gavosto, Fondazione Agnelli

Nuovi mindset e tecnologie per la partecipazione attiva degli allievi

Introduce e coordina
Giovanni Ferrero, ISMEL

La tecnologia come occasione per la partecipazione attiva degli allievi
Alessandra Falconi, Centro Alberto Manzi

Il Dipartimento Educazione del Castello di Rivoli: una struttura per promuovere partecipazione attiva all’arte
Anna Pironti, Dipartimento Educazione del Castello di Rivoli

Nuovi mindset e tecnologie applicati alla formazione
Elisabetta Comini, Core Consulting

La Resilienza Digitale in tempi di Covid: come fare formazione on-line post-universitaria apprezzata dalla tua comunità

Giovanni Ferrero, ISMEL

Luigi Somenzari, Fondazione CRT

segui il nostro canale Youtube

Replay

Presentazione della Settimana del Lavoro 2020
LA SCUOLA OLTRE L’EMERGENZA: INTERVENTO DELLA MINISTRA DELL’ISTRUZIONE ON. LUCIA AZZOLINA
Imparare a (pre)vedere l’invisibile